Casa Editrice

Alberto Toso Fei

Alberto Toso Fei, 42 anni, è discendente di una antica famiglia di vetrai di Murano, ed è un esperto di storia veneziana. Ha al suo attivo tre libri sulla Venezia curiosa e del mistero: “Leggende veneziane e storie di fantasmi” (2000), “Veneziaenigma” (2004, vincitore del Premio letterario Gambrinus “Giuseppe Mazzotti” 2005 nella sezione “Finestra sulle Venezie” e del superpremio assegnato dal pubblico “Veneto Banca – La Voce dei Lettori”) e “Misteri della laguna e racconti di streghe” (2005). Nel 2007, con Shaul Bassi, docente di letteratura Post Coloniale all’Università Ca’ Foscari di Venezia, ha dato alle stampe “Shakespeare in Venice”, quaranta luoghi della Venezia vista attraverso gli occhi di Otello e Shylock. Quest’anno ha realizzato, per conto di H-Play, due libri-gioco su Venezia e Roma, editi da H-Play, dando vita a una saga che va sotto il titolo di “The Ruyi”.

Alessandro Bressanello

Nato nel 1948 e residente a Venezia, inizia come musicista in rock band, nel 1976 fonda il Tag Teatro di Venezia che dirige sino al 1990 lavorandovi come attore, regista, ed organizzatore. Dal ‘90 lavora come attore indipendente in Teatro e Cinema, come regista dirigendo spettacoli teatrali e opere di musica barocca in USA, Svezia, Germania, Inghilterra, Russia e Norvegia, come produttore con la sua società Produzioni Teatrali Veneziane organizza eventi in diversi paesi. Partecipa al Carnevale di Venezia con il Tag già dal 1980, lavorandoci poi a vario titolo in tutte le edizioni fino al 2008.

Alessandro Renier

 

Alessandro Renier, veneziano, cardiologo, da alcuni anni ha iniziato ad approfondire alcuni aspetti poco noti o tuttora sconosciuti o misconosciuti della storia veneziana del ‘700 e dell’800 (un periodo travagliato, ma così ricco di fascino), partendo dalla storia della sua famiglia, presente a Venezia dal 1092: tra i suoi rappresentanti, Paolo penultimo doge, Giustina Renier Michiel salottiera e autrice di Origine delle Feste veneziane; Daniele primo podestà di Venezia.

Angelo Francesco Paloschi

Angelo Francesco Paloschi è nato a Melzo (Milano) nel 1966. Si è laureato a Padova in scienze naturali con una tesi sulla Laguna di Venezia. Attualmente vive a Mestre e insegna scienze presso un liceo veneziano. Ha collabo- rato con il quotidiano “La nuova Venezia” come corrispondente da Caorle e da Noale. Lasciato il giornalismo, oggi scrive racconti in cui si parla di natura, di scienza, di educazione. Attraverso la partecipazione ai premi naziona- li, ha pubblicato i suoi scritti in numerose antologie.

 

 

 

Anna Paola Zugni-Tauro

Anna Paola Zugni-Tauro vive e lavora fra Venezia e Feltre, sua città natale. È critica e storica dell’Arte, Professore di Storia dell’Arte alla Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano-Feltre. Ha pubblicato libri di pittura, scultura, architettura, iconografia, fotografia, museografia, ambientalismo ed è riconosciuta autorevole esperta in determinate specialità. Collabora con numerose riviste d’arte, di viaggi, di cinema ottenendo ampi riconoscimenti e premi. Ha organizzato mostre, convegni, viaggi di studio in tutto il mondo. Ha tenuto conferenze in sedi accademiche nazionali ed internazionali. È membro di prestigiose istituzioni culturali. Nel 1971 ha ricevuto dal Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat l’onorificenza di Cavaliere della Cultura e nel 2002 dal Magnifico Rettore Giovanni Puglisi la medaglia d’oro dell’Università IULM.

Antonio Zanchet

Antonio Zanchet abbraccia da giovane la carriera militare in Marina in seno alla quale trascorre i cinque anni che lui stesso definisce tra i più affascinanti della sua vita. Nel 1960 lascia la vita militare e passa alla Biennale di Venezia dove lavora all’organizzazione di molteplici eventi culturali. Da diversi anni collabora con la Società Europea di Cultura, che ha sede internazionale in Venezia e che esplica la propria attività istituzionale attraverso la politica della cultura e di un dialogo autentico ai fini della comprensione, della collaborazione e della pace. Nel 2007 pubblica la raccolta di racconti “Vaghe stelle e altri racconti”.

Carlo Vanoni

 

Dopo la laurea in Sociologia studia Conservazione dei beni culturali all’università Ca’ Foscari di Venezia. Da vent’anni si dedica a tempo pieno al mondo dell’arte contemporanea, come consulente di varie gallerie d’arte e curatore di mostre. Si dedica anche a cicli di conferenze al fine di rendere i linguaggi contemporanei accessibili a tutti.

 

 

Caterina Falomo

Caterina Falomo, curatrice. Nata a Venezia, vive e lavora a Roma. Si occupa di ufficio stampa in ambito culturale. Dopo anni di incubazione, nel 2010 trova il coraggio di lanciarsi nell’avventura di recuperare una memoria storica e sociale di Venezia, con la ferma intenzione di mostrare com’era la sua città natale e per lanciare un messaggio forte ai veneziani ma non solo.

Claudio Dell’Orso

L’eros nella saggistica veneziana è stato inaugurato da Claudio Dell’Orso con il best seller Venezia Erotica. Sono seguiti Venezia Libertina, I Segreti dei Conventi e Boccaccia di Leone. Come critico di fumetti ha pubblicato The Erotic Art of Leone Frollo, Dark Ladies Se mi Baci il Veleno, Le Donne di Dylan Dog e Femmes Hugo Pratt. Nero Veneziano segna il suo esordio nella cronaca “morbosa”. Organizza le mostre Maschere Gondole e Pugnali a Mestre, Dux Strip e Sorrisi & Languori a Roma. Per il Museo d’Arte Erotica in laguna, ha ideato la mostra Venezia di Piacere. Partecipa all’opera collettiva Atlante Storico di Venezia. Collabora a quotidiani e a riviste internazionali. La sua ultima pubblicazione è “Venezia Sconta. 7 secoli di piaceri, intrighi e scandali erotici”

Denis Pitter


Denis Pitter vive e lavora fra Venezia e Trieste, sua città natale. È laureato in Comunicazione e Pubblicità e specializzato in Design e Arti allo IUAV di Venezia. Curatore editoriale e grafico, collabora con varie case editrici e realtà culturali in Italia.

Ermanno Fugagnoli

Ermanno Fugagnoli è nato a Venezia ed è Docente di Clarinetto al Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia. Con il libro Afa. Una fuga per voce sola si è aggiudicato il premio per la narrativa inedita “Arcangela Todaro – Faranda 1996″.

Fariborz Kamkari

Fariborz Kamkari è uno sceneggiatore e regista curdo. Nato in Iran, vive e lavora in Italia. Nel 2002 si associa alla società FARoutFILMS. Ha scritto e diretto numerosi cortometraggi e sceneggiature per il cinema e la televisione, di cui ricordiamo Black Tape vincitore del Gran Premio della Giuria al Festival Cinequest nel 2003, in concorso tra gli altri al Festival di Venezia, Il capitolo proibito vincitore nella categoria Miglior Regista al Festival Indipendente di Bruxelles nel 2006, I fiori di Kirkuk vincitore del Premio Flaiano nella categoria Miglior Regista e Miglior Attore, candidato come miglior film al Premio Globo d’Oro nel 2011, in concorso al Festival di Roma. Film in produzione Pizza e datteri in collaborazione con RAI CINEMA e Acqua e Zucchero, MiBAC.

In preparazione il romanzo L’Emirato islamico di Venezia.

Federico Moro

Federico Moro vive e lavora a Venezia. Di formazione classica e storica, ha intervallato ricerca a scrittura, letteraria, saggistica e teatrale. Ha come principali campi d’interesse la narrativa e il lato strategico di eventi e decisioni politiche. È membro della Società Italiana di Storia Militare. Ha pubblicato i romanzi: Donne all’Asta (2002), La Voce della Dea (2003), L’Oro e l’Argento (2005), La Custode dei Segreti (2005), Il Fulmine e il Ciclamoro (2007), Flagellum Dei? (2008), la raccolta di racconti Storie a pelo d’acqua (2004), il saggio Venezia in Guerra (2005 e 2007 seconda edizione illustrata), Ercole e il Leone (2008), poesie e racconti in diverse antologie.

Fernanda Daniela Fusella

Fernanda Daniela Fusella nata a Chieti il 21/02/1952, laureata in Lettere presso l‘università di Bari, specializzata in Filologia italiana presso l‘università di Padova, insegna Lettere presso i licei di Venezia-Mestre. Si è interessata di didattica per il teatro nelle scuole. In collaborazione con i Servizi di Progettazione Educativa ha ideato il progetto Cinema nel Teatro: l’immigrazione “Vietato attraversare i binari”, presentato presso il Teatro Toniolo di Mestre nell’anno 2003. Nel 2006 ha pubblicato il libro “Esterno Veneziano”, un insieme di quattro racconti, ambientati dalla preistoria al futuro, attraverso il Medioevo e la Venezia del giorno d’oggi, e fondati sul tema della sopravvivenza. Ha fondato l’Associazione culturale La torre di Mestre (la torre e le lagune),insieme con insegnanti delle scuole superiori con lo scopo di valorizzare quanto viene prodotto nel territorio. Nel 2007 ha diretto presso la Torre Civica di Mestre la manifestazione Il viaggio e la città: scritture tra Mestre e Venezia in collaborazione con la Municipalità di Mestre-Carpenedo. Vi hanno partecipato, tra gli altri Daria Perocco, Giampiero Bellingieri, Piero Falchetta, la compagnia di teatro di Gianni De Luigi. Nel 2009 cura la Mostra retrospettiva di Vittorio Ruglioni. In collaborazione con le istituzioni locali e col centro Culturale Candiani cura le attività La città cambia: letture d’autore, musiche, immagini per Venezia provincia in movimento , seguita dall’Assessorato ai Beni e alla produzione culturale; presenta il testo critico di Maria Rosa Giacon, I voli dell’arcangelo: studi su D’Annunzio, Venezia e altro. Cura, per il terzo anno consecutivo l’organizzazione del Premio’ Scritture attraverso le scienze’ aperto a scrittori giovani e adulti, noti o emergenti, che ha lo scopo di sviluppare la produzione di una scrittura narrativa legata a tematiche scientifiche. Il cancello arcobaleno è il suo secondo libro di racconti.

Gabriele Kostas

Fotografa e percussionista, laureata in Filosofia e Storia del Arte, vive vicino a Berlino e trascorre molti periodi a Venezia. Dopo una lunga carriera come musicista che l’ha portata in Asia, Africa e Sudamerica, si è dedicata alla fotografia. Nel 2011 ha pubblicato il libro fotografico Das Haus der Kempowskis (Hatje Cantz).

Gianandrea Gaiani

Gianandrea Gaiani è nato nel 1963 a Bologna, dove si è laureato in Storia Contemporanea. Dal 1988 si occupa di analisi storico-strategiche, studio dei conflitti e reportage dai teatri di guerra per numerose testate giornalistiche. Attualmente scrive sui quotidiani Il Sole 24 Ore, Il Foglio, Libero, il Corriere del Ticino, i settimanali Panorama e Gente ed è opinionista del Giornale Radio RAI e Radio Capital. Dal gennaio 2000 dirige il web-magazine Analisi Difesa (www.analisidifesa.it). Dal 1991 ha realizzato reportage da numerose aree di crisi e ha seguito sul campo le operazioni militari italiane in Kurdistan, Somalia, Mozambico, Albania, Croazia, Bosnia, Macedonia, Kosovo, Afghanistan, Sinai e Iraq. al 1999 collabora con l’Istituto di Studi Militari Marittimi di Venezia (ISMM) e ha insegnato all’Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze (ISSMI) di Roma.

Gianni Favero

Gianni Favero è giornalista dell’Ansa e scrive di economia per Il Corriere del Veneto. Nel 2003 ha pubblicato “Inesorabile piombo nemico”, ricostruzione sotto forma di racconti della Resistenza a Roncade (Treviso) , edito da Piazza Editore e, con la stessa casa, nel 2005, “Regina libera tutti”, ambientato nella stessa zona e negli stessi anni.

Giovanna Dal Magro

Giovanna Dal Magro è nata a Milano dove  risiede ed opera. Negli anni ’70 ha instaurato un forte connubio con i  più importanti artisti della Body Art quali Marina Abramovic, Urs Luthi,  Bob Wilson, Nitsch, John Cage fotografando per anni le loro  performances. Ha ritratto personaggi celebri della musica, della moda,  della letteratura, del cinema. Ha viaggiato in tutto il mondo  cogliendone l’essenza con sguardo acuto e originale. Pubblica servizi di  viaggio, cultura, interni, architettura su testate italiane e  straniere. Nell’insieme, l’opera di Giovanna Dal Magro è espressa in  circa 36 mostre personali e 35 collettive; in 33 libri, di cui 8  monografici, l’ultimo dei quali è “Profondo Umano”. Ha vinto numerosi  Premi. Web site: www.giodal.it

Giulio Giuliani

Giulio Giuliani, veneziano per costumi anche se non per nascita, ha cominciato ad osservare e a raccontare la città attraverso gli articoli e le inchieste del settimanale GENTE VENETA, di cui è stato caporedattore per dieci anni. Come portavoce del sindaco Paolo Costa, nei primi anni del Millennio ha seguito da vicino alcuni dei grandi progetti per il rilancio di Venezia. Dal 2005 è il responsabile culturale del Duomo di Mestre, che ha contribuito a far crescere come luogo di elaborazione di cultura e di impegno civico: nei convegni e nei dibattiti dei centri culturali del Duomo, oltre che nelle pagine del giornale PIAZZA MAGGIORE, tornano gli stessi temi e le stesse speranze per il futuro di Venezia metropoli

Giulio Marra

Giulio Marra è docente presso la Università Ca’ Foscari di Venezia, studioso di teatro e di  letteratura britannica e di letteratura postcoloniale, è autore di vari studi critici su William Shakespeare, sul neoclassicimo inglese, sul teatro canadese, sul romanzo moderno. Dirige la rivista Il Tolomeo, che tratta delle letterature extraeuropee. Ha pubblicato nel 2005 il romanzo Et in Arcadia Ego, vincendo due premi letterari e nel 2010 il romanzo Ca’ del Lov vincendo tre premi letterari.

 

 

 

José Sasportes

José Sasportes ha pubblicato in Italia nel 2011 il romanzo Giorni Contati e ha curato i volumi Storia della danza Italiana dalle origini ai giorni nostri e La danza italiana in Europa nel Settecento. Lo stesso anno è uscito in Portogallo il suo terzo romanzo Os Novos Espectros.

Scrittore e storico della danza.
Fondatore e direttore della rivista di saggi “La Danza Italiana”.

Già Ministro della Cultura del Portogallo.
Ha ricoperto le cariche di Presidente della Commissione Nazionale Portoghese per l’UNESCO, di direttore del dipartimento ACARTE (arti dello spettacolo contemporaneo) alla Fondazione Calouste Gulbenkian di Lisbona, di direttore della Scuola di Danza del Conservatorio di Lisbona, e della Scuola per la Formazione di Professori di Educazione Artistica di Lisbona. Nel 2005, è stato scelto come Presidente della I Conferenza Mondiale di Educazione Artistica promossa dall’UNESCO. Ha pubblicato nel 2011 in Italia “La Storia della danza italiana dalle origini ai giorni nostri” e “La danza italiana in Europa nel Settecento”, nello stesso anno è uscito in Portogallo il suo terzo romanzo “Os Novos Espectros”.

 

Lavinia Cavalletti

Giornalista professionista ha lavorato per il Mattino di Napoli e per Il  Gazzettino di Venezia come corrispondente da Parigi. È discendente  della famiglia Stucky.

Luca Berta

Ex ricercatore precario all’università. Ha scritto una raccolta di racconti (Imitazioni della vita, Sironi 2006) e tre libri di filosofia (l’ultimo è Dai neuroni alle parole, Mimesis 2010). Attualmente si occupa di marketing e arte contemporanea.

Maria Luisa Semi

 

 

Maria Luisa Semi è nata a Venezia, dove vive tuttora e dove ha sempre lavorato.   Notaio dal 1968 ha esercitato la professione per vari decenni, dapprima, per pochi mesi in Forno di Zoldo e suc- cessivamente nella sua città. È stata componente del Consiglio Provinciale negli anni ‘90. È socia dell’Ateneo Veneto e attualmente fa parte del Consiglio Accademico della medesima istituzione. Ama profondamente Venezia e spera, senza troppe illusioni, che la sua città ritrovi se non i fasti, per lo meno la vivibilità dei tempi della sua infanzia.

 

Mariagrazia Dammicco

 

Giornalista e scrittrice di giardini, laureata in Filosofia, ha fondato nel 2000 il Wigwam Club Giardini Storici Venezia di cui è presidente. Organizza visite ed eventi nei giardini ed ha pubblicato: I Giardini Veneziani (Tamari Montagna 2004, coautrice con G. Bondi e L. Querenghi); Jardins Secrets de Venise (Flammarion 2006), tradotto in tedesco Die Geheimen Garten von Venedig (DVA 2006) e in inglese Gardens in Venice (Flammarion 2007). Il suo racconto Giardini in volo (contenuto in Quando c’erano i veneziani, a cura di Caterina Falomo, Studio LT2 2010) è stato trasformato in una performance con foto di Gabriele Kostas e musiche di Oreste Sabadin.

Micaela Scapin

Micaela Scapin è nata nel 1973 a Mestre (Venezia). Giornalista multimediale, prima di dedicarsi alla consulenza esterna nell’ambito della comunicazione ha collaborato con “Il Gazzettino”. Ha realizzato il manuale Just Married in Venice per l’Associazione Veneziana Albergatori, ha pubblicato il romanzo Svegliati sono le nove (2009, Supernova). Ha fondato lo studio M: Comunicazione che si occupa di consulenza in comunicazione esterna, formazione, uffici stampa, social media Pr ed organizzazione eventi per aziende e privati. Collabora con doveviaggi.it, il sito del mensile di viaggi “DOVE” (Rizzoli).

https://www.facebook.com/micaelasca https://twitter.com/MicaelaScapin http://instagram.com/m_comunicazione

Paola Zoffoli

 

 

 Scrittrice di libri per bambini e appassionata di storia veneziana, ha pubblicato nove libri tradotti in varie lingue. È autrice di fortunate guide su Venezia – la città in cui vive e lavora – che hanno ricevuto premi prestigiosi e rico- noscimenti. Ha due figli grandi e tre nipotini con cui viaggia volentieri intorno al mondo. Le piace il cinema, la danza, lo yoga. Ama i libri, i fiori, il mare, passeggiare nella natura e, soprattutto, viaggiare: molti dei suoi libri sono nati in treno o in aereo.

 

Paolo Ganz

Paolo Ganz, scrittore e musicista, è nato nel 1957 a Venezia, dove vive nel popolare sestiere di Cannaregio. Nel corso della sua vita per continuare a suonare e scrivere – ha fatto il fattorino, il commesso, l’impiegato di una vetreria, il commerciante di prodotti biologici, il massaggiatore, l’insegnante di mandolino e il custode di un museo. Nel corso degli ultimi venticinque anni, oltre ad essersi esibito in tutta Europa e aver inciso una decina di cd, ha pubblicato svariati manuali per chitarra, nonché quello che rimane il primo, e più completo, Metodo per Armonica Blues italiano. In campo letterario ha pubblicato Nel Nome del Blues (Agorà Factory 2006), Venice Rock ‘n’ Roll (Fernandel 2011) e Calle dei Bombardieri.

Rino Cortiana

Professore ordinario di Letteratura Francese, insegna all’Università “Ca’ Foscari” di Venezia. Dopo alcune incursioni nel Settecento (Il viaggio, gli amori e il duello. Sistema del passato e sistema illuministico in “Jacques le Fataliste” di Diderot, Cafoscarina, Venezia 1983) e nell’Ottocento (I poeti della Comune, Marsilio, Padova 1971), la sua ricerca si è concentrata sulla poesia dell’avanguardia, in particolare su Blaise Cendrars (introduzione e cura di Dal Mondo Intero, Guanda, Parma 1988 e di Al cuore del Mondo, Scheiwiller, Milano 1992) e sulla poesia contemporanea (cura, in collaborazione con Michel Collot, del volume Horizons de la poésie moderne, RITM, Paris X-Nanterre 1997; L’occhio scrive (saggi su Chénier, Cendrars, Tardieu, Jaccottet, André du Bouchet, Réda), Cafoscarina, Venezia 2003).

Roberto Minini

Roberto Minini è nato a Buenos Aires nel 1960. Per il suo lavoro, nell’arco di quindici anni, ha partecipato, come pilota di elicottero a diverse operazioni di pace: in Africa come nei Balcani e, in anni recenti, in Iraq e in Afghanistan. La prima di tutte queste esperienze è stata la Somalia e come tutte le prime ha tracciato ricordi indelebili. È sposato ed ha una figlia, vive e lavora a Pordenone, in Friuli. Questo è il suo primo romanzo.

Tiziana Plebani

Tiziana Plebani vive a Venezia e si occupa di storia del libro, di pratiche di lettura e scrittura, di sociabilità urbana e della trasformazione dei sentimenti. Ha insegnato presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Tra le sue opere: L’Almanacco delle donne (Venezia, Ippocampo, 1991), Il «genere» dei libri (Milano, FrancoAngeli, 2001), Venezia 1469. La legge e la stampa (Venezia, Marsilio, 2004), Storia di Venezia città delle donne (Venezia, Marsilio, 2008) e Un secolo di sentimenti (Venezia, Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti, 2012 – Premio Gambrinus Mazzotti, Premio Antico Pignolo).