Casa Editrice

DI NUOVO RUGGE IL LEONE: Venezia, d’Annunzio e la Prima Guerra Mondiale

L’Autore: Filippo Caburlotto

L’Arogmento:

Venezia e d’Annunzio, un rapporto inscindibile, che trovò le sue origini alla fine del 1800, che continuò fino alla morte del poeta, e che divenne particolarmente intenso durante il primo conflitto mondiale, quando il Vate scelse la città come sua base, officina d’artista, ricovero e alcova, offrendo al contempo ritratti, lampi, visioni, dettagli della Serenissima in guerra.

Decretando bruscamente la fine della Belle Époque, il conflitto trasformò Venezia da lussuosa e mondana città cosmopolita a roccaforte inespugnabile, da emblema di vita a spettrale e quasi disabitato baluardo italiano, da meta anelata a preda ambita; e il poeta divenne marinaio, fante, provetto aviatore, orbo veggente, che dalle tenebre fece scaturire la luce dell’arte.

Uno spaccato del periodo bellico, fra storia, letteratura e immagini, che legge i dati oggettivi attraverso l’arte di uno dei maggiori autori europei del Novecento. 

L’Autore:

Filippo Caburlotto è dottore di ricerca in Italianistica e filologia classico-medievale. Fra i suoi lavori, in preminenza incentrati sul periodo italiano ed europeo fin de siècle: D’Annunzio e lo specchio del romanzo (Cafoscarina, 2007), Libro segreto: D’Annunzio dall’autobiografia all’agiografia (“Studi novecenteschi”, 2, 2008), la curatela del Fuoco (Rizzoli, 2008), Venezia imaginifica (Elzeviro, 2009), Gabriele d’Annunzio. Inediti 1922-1936 (Olschki, 2011) e la curatela del Fuoco nella pineta (Nerosubianco, 2013). 

Formato: 13,5X21 Pagine: 250 Illustrazioni: Sì Legatura: Brossura Prezzo: 18,00 Euro ISBN: 978-88-97928-90-4  Collana: SECRETA  Lingua: Italiano Uscita: Febbraio 2015