Casa Editrice

SNODI 6. Morire

Autore: AA.VV.

L’Argomento:
La rivista Snodi nasce come laboratorio di riflessione intorno ai concetti di “pubblico” e “privato” nella storia contemporanea. Il titolo allude agli scambi, alle sovrapposizioni, agli sconfinamenti tra i due termini di questa “grande dicotomia” concettuale che sembra saper ordinare e descrivere tutte le esperienze individuali e collettive, e che invece presenta molti snodi da individuare e dipanare. La storia contemporanea, infatti, è disseminata di contesti in cui la dimensione pubblica si “privatizza” e la sfera privata assume rilevanza pubblica, a seconda di strategie, autorappresentazioni, conflitti tra i diversi soggetti sociali, che si muovono in questi spazi in modo complesso e fluido. Snodi è un cantiere sperimentale, aperto a diverse prospettive disciplinari e diverse generazioni di studiosi, italiani e stranieri, accomunati dalla volontà di interrogarsi in modo non dicotomico sui molti pubblici e i molti privati dell’epoca contemporanea. Snodi è un progetto nato a Venezia, ma animato da giovani ricercatori e ricercatrici attivi in diverse università italiane ed estere. La rivista si propone di essere un luogo di scambio internazionale, anche attraverso la pubblicazione di articoli in lingua straniera, e dal terzo numero sottopone a procedura di peer review i saggi della rubrica “Scrivere”. La scelta di dedicare il sesto numero di Snodi al morire è maturata nei giorni immediatamente successivi alla morte di Eluara Englaro, avvenuta il nove febbraio 2009. Sconvolti per la violenza mediatica e politica subita dalla donna e dai suoi familiari, abbiamo iniziato a riflettere su un evento dalle profonde implicazioni sociali, politiche e culturali. Ci siamo chiesti in che modo la morte, un dato naturale inscritto nel destino di ogni individuo, si trasformi in evento in cui l’intreccio tra pubblico e privato raggiunge la sua massima tensione.   Ci siamo chiesti anche in che termini il morire, un processo per molti versi reso nel tempo sempre più artificiale, si configuri come esperienza sociale diversa a seconda dei diversi contesti storici.

Gli Autori
La redazione è composta da Giulia Albanese, Margherita Angelini, Claudia Baldoli, Tommaso Baris, Emmanuel Betta, Alessandro Casellato, Simon Levis Sullam, Erika Lorenzon, Giovanni Sbordone, Simona Troilo, Gilda Zazzara..

Formato: 13,5×21 cm Pagine: 216+copertina Lingua: Italiano Illustrazioni/legatura: Brossura fresata Prezzo: 14,00 Euro ISBN: 978-88-88028-59-0 Collana: Studium. La nuova biblioteca universitaria. Editore: Studio LT2 Uscita: Novembre 2010