Casa Editrice

La dinastia Stucky 1841-1941

Autore: Lavinia Cavalletti

L’argomento

L’autrice racconta le vicende di tre generazioni di mugnai svizzeri, le cui vite furono legate alla storia di Venezia e d’Italia. Il primo, Hans Stucky, giunto povero a piedi, lavorò nell’unico molino della città, partecipò alla Rivoluzione del 1848. Il secondo, Giovanni, costruì il gigantesco molino alla Giudecca, sviluppò un fiorente commercio internazionale di grano e farina, diventando l’uomo più ricco di Venezia e comprò per sua dimora il Palazzo Grassi. Morì assassinato da un suo ex operaio, suscitando scalpore e cordoglio in città e in tutto il Veneto, dove era noto per la sua generosità e per le bonifiche delle paludi malariche di Portogruaro. Il terzo, Giancarlo, allargò gli affari del padre ma finì rovinato in seguito alla crisi finanziaria degli anni Trenta, alla politica economica del fascismo e all’ostilità di alcune personalità del regime. Attraverso queste vicissitudini, il libro offre inoltre uno spaccato storico-economico di cent’anni di vita veneziana, smentendo molte leggende e falsità che negli anni sono fiorite senza fondamento su questa famiglia. Una ricca sezione iconografica correda la pubblicazione. Oggi, dopo accurato restauro, questo storico molino è diventato un albergo.

L’Autrice

LAVINIA CAVALLETTI Giornalista professionista ha lavorato per il Mattino di Napoli e per Il Gazzettino di Venezia come corrispondente da Parigi. È discendente della famiglia Stucky.
 
 
Formato: 13,5x21cm Pagine: 300 Lingua: Italiano Illustrazioni/legatura: Brossura Prezzo: 20,00 Euro ISBN: 978-88-88028-68-2 Collana: Secreta Editore: Studio LT2 Uscita: Maggio 2011